Siete degli appassionati e avete le vostre bottiglie in bella vista in qualche angolo del soggiorno? Vi hanno regalato una bella bottiglia di vino e l’avete sistemata nel solito ripiano vicino ai fornelli della cucina? 


Purtroppo siete in buona compagnia perchè questi sono gli errori più comuni dei consumatori di vino. Vediamo insieme alcuni semplici accorgimenti che potete adottare per massimizzare la durata e ottimizzare l’evoluzione delle vostre bottiglie di vino.


  1. TEMPERATURA - Il vino deve essere conservato in un ambiente con temperatura costante compresa tra i 10 e i 18 gradi.
    Il caldo è il peggior nemico del vino quindi evitate assolutamente di posizionare le vostre bottiglie vicino a eventuali fonti di calore. Le alte temperature contribuiscono ad accelerare l’evoluzione del vino, mentre le basse temperature la rallentano.

  2. POSIZIONE - Le bottiglie devono essere conservate in posizione orizzontale per fare in modo che il tappo resti sempre a contatto con il vino che lo mantiene umido e aderente al collo della bottiglia. In questo modo eviterete che il tappo si secchi e che l’aria entri in contatto con il vino accelerando la sua evoluzione.
    Questo accorgimento non è necessario in caso di tappi sintetici. Nel caso di vini da invecchiamento prolungato, consigliamo di riportare la bottiglia in posizione verticale almeno qualche ora prima di consumarla, così da far depositare eventuali sedimenti sul fondo.

  3. UMIDITA’ -  L’ambiente di conservazione dovrebbe avere un tasso di umidità il più possibile costante e compreso tra il 60% e l’80% (potete acquistare un comune igrometro su Amazon a circa 10€ https://www.amazon.it/s?k=igrometro). In un luogo troppo secco il tappo tenderà a restringersi, lasciando che l’aria entri in contatto con il vino. Al contrario, troppa umidità rischierebbe di far sviluppare muffe sui tappi, compromettendo la qualità del vino, oltre che macchiare e danneggiare le etichette (salvaguardabili facilmente avvolgendo la bottiglia con uno strato di pellicola da cucina).

  4. LUCE - Conservare il vino in un ambiente buio. La luce, naturale o artificiale, può innescare processi ossidativi e causare l’alterazione del vino. E' per questo motivo che la maggior parte delle bottiglie hanno una colorazione verde scuro.

  5. ODORI - Evitate di conservare il vino in un ambiente con odori forti. Il vino, attraverso il tappo, assorbe gli odori e rischia di essere contaminato dalla presenza di vernici, solventi, salumi e formaggi.


Adesso che conosciamo le regole base della conservazione del vino, vediamo quali sono le soluzioni a nostra disposizione:


  • Acquistare una piccola cantinetta frigo 
    Certo, fin qui siamo bravi tutti. Esistono in commercio tante soluzioni, di vari budget e dimensioni, alcune dotate di differenti zone con differenti temperature permettendo di conservare contemporaneamente sia vini bianchi che rossi.

  • Conservare il vino in cantina/garage
    Le classiche cantine sotterranee dei nostri condomini si adattano molto bene alla conservazione delle nostre bottiglie. Solitamente sono ambienti non riscaldati, a temperatura costante, con un alto livello di umidità e spesso bui. Attenzione però al precedente punto 5.

  • Adottare i precedenti accorgimenti in casa 
    A parte il punto 1, riuscirete senza problemi a seguire le altre regole anche a casa. Probabilmente la temperatura che avrete per gran parte dell’anno sarà compresa tra i 20 e i 24 gradi e non pregiudicherà la “salute” dei vostri vini ma sicuramente contribuirà ad accelerare la loro evoluzione. Tenete bene a mente però, che le vostre care bottiglie da invecchiamento che solitamente durano anche 10 o 20 anni, a casa vostra vivranno probabilmente meno della metà.
    Se invece non avete il climatizzatore e la vostra casa supera i 30 gradi in estate...beh, mettetevi l’anima in pace e fate conservare le bottiglie più preziose a qualche amico più attrezzato.


Se volete approfondire, potete leggere i risultati di una ricerca scientifica che dimostra che il vino in casa "invecchia" quattro volte più rapidamente: "L’influenza della conservazione sull’’età chimica’ dei vini rossi" Link ITA Link ENG