Il vino

Nome: More Rosè
Annata: 2013
Tipologia: Spumante
Denominazione: Oltrepo Pavese Metodo Classico DOCG
Vitigni: 100% Pinot Nero
Affinamento: 36 mesi sui lieviti
Titolo alcolometrico: 13% vol.


Quando berlo

Consumo ideale: 2020-2023
Longevità: 5-7 anni
Occasione: Cena di pesce

Come servirlo

Temperatura: 8-10°
Apertura: 0 ora/e prima
Abbinamenti:
  • Molluschi e crostacei
  • Piatti a base di pesce
  • Formaggi stagionati
wine_bottle_front

La cantina

Nome: Castello di Cigognola
Indirizzo: 27040 Cigognola PV

Prezzo

16,00 €


L'opinione del Sommelier

Quando si parla di spumanti italiani vengono subito in mente Franciacorta, Trento DOC e la zona del Prosecco, ma ci sono altre importanti aree spumantistiche spesso sottovalutate: Oltrepò Pavese e Alta Langa. Oggi vogliamo parlarvi di questo piccolo pezzo d’Italia in cui si incrociano Lombardia, Liguria, Piemonte ed Emilia, combinandone i diversi paesaggi, la cultura e la storia: l'Oltrepò Pavese. E' il luogo in cui il Pinot Nero da noi ha trovato il suo habitat ideale e rappresenta circa il 75% dell’intera produzione nazionale del vitigno. L'Oltrepò Pavese Metodo Classico DOCG è un vino spumante la cui produzione è consentita nella provincia di Pavia, da uve Pinot Nero (almeno 70%), Chardonnay, Pinot bianco o Pinot Grigio.


Sulle dolci colline strette tra Piemonte ed Emilia, a sud del fiume Po', sorge un castello del XII secolo in cui la famiglia Moratti coltiva la propria passione per il vino: il Castello di Cicognola. La conoscenza del terroir e il grande lavoro in vigna e in cantina, sotto la regia dell’enologo Riccardo Cotarella, fanno sì che i vitigni allevati possano esprimere al meglio le proprie potenzialità e qualità organolettiche. Importanti investimenti in vigna e in cantina hanno trasformato l’antico castello in un punto di riferimento d’eccellenza. È così che, ben presto, sono arrivati anche i migliori riconoscimenti dalle più prestigiose guide dei vini d’Italia.


Se dite Oltrepò Pavese pensate agli spumanti Metodo Classico a base di Pinot Noir, vinificati in bianco, ma soprattutto ai grandi spumanti rosati. E' questo il caso di More Rosè, pinot nero 100% 36 mesi sui lieviti, che si mette in mostra con il suo perlage fine e persistente e gli intensi aromi di frutti di bosco e piccoli frutti rossi. Al sorso è molto piacevole e dotato di una incredibile bevibilità, tant'è che siamo passati da un assaggio a finire la bottiglia senza rendercene conto.
Può accompagnare interamente una bella cena di pesce, ma noi l'abbiamo abbinato splendidamente con dei fantastici gamberoni alla piastra.

Valutazione
86/100
Il Sommelier
Massimo Il Sommelier
Rapporto qualità/prezzo
Buono

Lascia un commento